POESIA DEI 28 e forse pure dei 29

 

Foto e testo di: Gioia Perrone

Quel maledetto verdino ci è entrato nella carne,
nella carne degli occhi
così ora guardiamo a tutto, come tutto fosse di morbidoverde
trasparente e carnoso.

Fare una bagaglio e andare
a morire di nostalgia più là
dove tutto può far più male
dove tutto è una meraviglia ambulante,
una festa letta da qualcheparte …

Poi ti ostini a discioglierti nel barbablù della terra,
ma di più nel platino del grano, dietro casa
e sembri solalontana
e sembra altrove,

ma invano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: